pannello-fotograficoSlide thumbnail

Monitor Test

verificare la calibrazione del monitor

Test monitor per verificare la calibrazione

Il modo più semplice per verificare la calibrazione del proprio monitor è acquistare un Test monitor.
Il test monitor è un immagine di riferimento stampata dai nostri laboratori. Una volta ricevuta la stampa è sufficiente scaricare l’immagine di riferimento e confrontare la stampa con quella visualizzata a video ed eventualmente intervenire sui singoli parametri di calibrazione del monitor fintanto che luminosità e cromia siano il più simili possibili alla prova stampata. Questa piccola ma importante prova permette di verificare che la luminosità del monitor sia impostata su valori accettabili in considerazione del fatto che il 98% dei monitor prodotti ha valori di luminosità ben più alti ed ovviamente non riproducibili da nessun supporto cartaceo.
La prova ha il costo simbolico di 1€ + spese di spedizione (6,90€ con le poste 8,30€ con il corriere) e viene eseguita su carta non laminata da 200g di spessore.

Scarica immagine di riferimento
ordina test monitor

Calibrazione Professionale

Il test monitor è una prova soggettiva e evidenzia soprattutto spiccate differenze di luminosità e qualche eventuale difetto cromatico.
Per prove più accurate consigliamo sempre l’acquisto di colorimetri o spettrofotometri (www.xritephoto.com, www.datacolor.com, i più famosi) in grado di
calibrare e profilare in automatico il monitor ottenendo ottimi risultati sia per quanto riguarda il controllo del punto di bianco, della luminanza,
del rapporto di contrasto e della gamma cromatica.

Impostazioni e gestione del colore

Il profilo di riferimento per tutte le stampe nel nostro laboratorio è sRGB. Lo spazio colore sRGB dovrà essere utilizzato come spazio di lavoro in tutte le applicazioni che lo permettono (Photoshop, Lightroom, Aperture, Indesign…) per una perfetta corrispondenza tra visualizzazione a monitor (calibrato) e stampa. RGB è spesso pensato come un numero di colore definitivo e unico. Tuttavia ci sono molte varietà di RGB attualmente disponibili nel mondo digitale.
Sebbene tutte le varietà di RGB utilizzino lo stesso sistema di numerazione (0-255), ogni varietà utilizza i numeri in modo diverso, il che significa
che la stessa serie di numeri può significare diversi colori. Ogni varietà di RGB (sRGB, Adobe RGB, ProPhoto RGB… ecc.) rappresentano lo spazio colore
e la gamma di colori che contiene è il suo colore. sRGB e Adobe RGB sono indubbiamente gli spazi colore più popolari.
sRGB è lo spazio colore più comune e di solito corrisponde all’impostazione predefinita per la maggior parte dei consumatori e prosumer
che utilizzano fotocamere digitali. Adobe RGB è spesso usato in fotografia commerciale ed è lo spazio preferito per i fotografi che utilizzano file in formato RAW.
Adobe RGB è il più grande dei due spazi di colore e ha colori più riccamente saturi.